mercoledì 13 maggio 2009

Il nocciolo della questione (2)


Apartheid, che ridere


                                                               Apartheid sui mezzi pubblici - Johannesburg, 1982                                                                                                                             

Tutto avrei potuto immaginare, tranne di dover un giorno rimpiangere il sindaco Pillitteri.

Andiamo con ordine: la notizia che voglio commentare oggi risale a settimana scorsa. 
E' la proposta di Matteo Salvini, capogruppo della Lega Nord nel consiglio comunale di Milano, nonchè deputato della Repubblica, di riservare dei posti sui mezzi pubblici ai milanesi.
Così da tenerli separati dagli extacomunitari.

L'idea di Salvini, non originalissima in verità, qualcosa avevano sperimentato in Sud Africa ai tempi dell'apartheid, è stata così sopra le righe da provocare un quasi unanime sdegno. 
Dico quasi perchè qualche importante voce che ha voluto minimizzare il fatto c'è stata: il solito Berlusconi, che ha parlato di "provocazione" e il sindaco di Milano, Letizia Moratti, che ha parlato di una "battuta". 
Una battuta: quindi dovrebbe far ridere. 
Questo spensierato buonumore del sindaco mi ha fatto tornare in mente un fatto capitato in città nel 1991. 

Vicino al deposito mezzi dell'atm di viale Palmanova si era insediato un campo di extracomunitari. Ben presto la convivenza fra gli stranieri e i tranvieri si fece tesa e quest'ultimi, spalleggiati da un sindacato autonomo, indirono uno sciopero chiedendo lo spostamento del campo. 
Il sindaco Pillitteri, dopo tre giorni di sciopero selvaggio che aveva quasi messo in ginocchio la città, si recò nel deposito per parlamentare con gli autisti, ma lì, parole sue, "fui accolto con un volantino che diceva, tra l' altro, stop ai vu' cumpra' , comincia la lotta per la pulizia civile".
Leghisti della prima ora, verrebbe da dire.
Nacque una rissa verbale memorabile, epica, bellissima.


Fra i molti  insulti, il Pilli gridò ai tranvieri: "Sporchi fascisti, squadristi, nazisti, razzisti, barboni, pezzenti, siete la vergogna di Milano, straccioni, siete uno pseudo sindacato. Siete la vergogna della classe operaia".

Ora, scacciando la tristezza che viene a sentire un socialista, o presunto tale, che dà dei barboni, straccioni e pezzenti a degli operai, quello che salta all'occhio è l'uso dei termini "fascista" e  "razzista" a mo' di insulto. 
Fino a non motli anni fa avevamo un sindaco che pensava di offendere il suo interlocutore dandogli del razzista. 

Oggi abbiamo la Moratti, che non solo accetta di avere Salvini nella sua maggioranza, ma che trova anche divertenti le sue proposte. 
Pardon, le sue battute.



                                                                                                          Cape Town, 1982                                                                                                                                                                                                                                                                                                   
Vincenzo







2 commenti:

GIAN CARLO ha detto...

Ora che il fascismo reale non c'è +(o almeno così dicono) si assiste ad un abuso di questo termine sparato a 360 gradi.
Talvolta alcuni miei "amici" semi-destorsi mi danno del fascista di sinistra perchè non saprei ascoltare... altri quelli che stanno veramente molto a sinistra mi dicono che ormai io sono fascista al pari di tutti quelli che non la pensano come loro :-)

PS
Salvini è fascista sul serio !!!

Vincenzo Beninato ha detto...

La cosa divertente che ho notato io è che le persone molto a sinistra ormai vedono chi è di "sinistra moderata" come più "nemico" di chi è di destra!

Salvini credo sia destinato ad un futuro radioso a livello nazionale. A volte mi capita di vederlo sulle tv locali: eloquio svelto, sguardo furbo, battuta pronta e nessuna remora all'uso del più becero populismo.